Share the joy

Situazione atmosferica che, come detto nell’ultimo articolo, vede un peggioramento delle condizioni meteo sul nostro paese. Infatti un vortice depressionario spinge verso la nostra penisola una veloce perturbazione che colpirà oggi il settentrione con precipitazioni che coinvolgeranno maggiormente il Nord-est, la Liguria, la Lombardia, l’Emila Romagna, l’alta Toscana. Nuvolosità che aumenta sulle regioni centrali e Sardegna con precipitazioni sparse, in particolar modo sulla Toscana, poi su Lazio, Umbria e Sardegna. Venti tesi meridionali e mari mossi. Temperature in aumento, in particolar modo al meridione e isole con punte di 25 gradi centigradi. 

Venerdì le nuvole si concentreranno al centro-sud con precipitazioni che colpiranno le regioni centrali e la Campania, in particolare nel pomeriggio-sera-notte, più sparse e localizzate sul meridione, mentre al settentrione il tempo migliorerà, ma attenzione alla formazione di nebbie nottetempo. Ci saranno occasioni per dei fenomeni temporaleschi. Venti ancora meridionali con locali rinforzi lungo l’adriatico e al sud. Mari mossi e temperature in aumento le minime, in calo le massime.

Sabato l’instabilità perdurera’ sulle regioni centro-meridionali con precipitazioni sparse, con maggiore probabilità su Lazio, Sardegna, Campania, poi Sicilia; nuvole altrove con occasionali piovaschi. Venti settentrionali al centro-nord, sud orientali al sud. Mari generalmente mossi. Temperature stazionarie al centro-sud, in calo al Nord.

Domenica discreta al Nord, con poche nuvole. Maggiore nuvolosità e precipitazioni sparse lungo l’Appennino, regioni centrali e al sud peninsulare, anche temporalesche. Molto instabile sulla Sicilia, sulla Calabria, sulla Basilicata, la parte meridionale della Puglia e la Sardegna con possibili fenomeni temporaleschi anche di forte intensità. Venti settentrionali al centro-nord e Sardegna, orientali su Sicilia e Calabria. Mari mossi i bacini centro-meridionali, poco mossi quelli settentrionali.

Attenzione: tra Domenica  e Lunedi si approfondirà un vortice ciclonico al meridione che tenderà ad inglobare anche le regioni centrali tra lunedì e martedì con precipitazioni sempre più estese e copiose; possibili forti temporali. Venti a rotazione ciclonica al centro-sud con rinforzo dei venti tra moderati e forti e  mari molto mossi o agitati, in particolare lo Ionio, il basso adriatico e intorno la Sicilia. Temperature stazionarie o in ulteriore calo al centro le massime, in lieve rialzo le minime su tutto il centro-sud, in generale aumento al Nord sotto l’ala anticiclonica. Tempo stabile al settentrione con aumento della nuvolosità sulle regioni Nord-orientali e Appennino settentrionale con locali piovaschi.

Mercoledì il tempo rimane influenzato dal ciclone Mediterraneo che coinvolgerà sempre le stesse zone. Da qui il rischio idrogeologico in particolare su Sicilia e Calabria. Venti tesi a rotazione ciclonica  e mari agitati al sud, mossi i bacini centrali, poco mossi i restanti. Temperature stazionarie al centro-sud, in aumento al Nord.

Allerta Meteo:  da Domenica forti temporali e precipitazioni copiose su Sicilia e Calabria; venti tesi e possibili mareggiate.

Un cordiale saluto

Luca Romaldini