Il Portale Climatologico Italiano

Una settimana di correnti umide atlantiche, breve pausa, poi nuovo attacco del Generale Inverno…

January 30th, 2017

Una settimana di correnti umide atlantiche, breve pausa, poi nuovo attacco del Generale Inverno…

Share the joy
  •  
  •  

Una settimana di correnti umide atlantiche, breve pausa, poi nuovo attacco del Generale Inverno…

AlpiL’anticiclone ci sta regalando giornate discrete con cieli per lo più poco nuvolosi e temperature invernali di notte, con brinate diffuse al centro-nord, e lievemente più miti di giorno. Il gelo delle ultime settimane si è fatto sentire e molte delle cascate e/o laghetti alpini e appenninici risultano gelati, mentre le precipitazioni sono state copiose lungo il versante adriatico e lungo la catena appenninica, nella media sulle restanti zone del centro-sud, mentre risultano in deficit al settentrione.

Il latente minimo depressionario al centro-sud della penisola si è dissolto, l’anticiclone russo-siberiano si sta ritirando verso oriente sotto la spinta umida atlantica.

Un flusso atlantico che si è fatto vedere davvero poco negli ultimi mesi, a causa di un blocco anticiclonico sul vecchio continente davvero caparbio. Il risvolto della medaglia è che ci ha regalato un freddo che ormai da decenni non vivevamo, soprattutto sulla Scandinavia, Germania, Austria, Polonia e tutti i paesi dell’Europa orientale, sud orientale, Turchia, oltre che sulla nostra penisola. Clima più mite, in media, su Francia, Gran Bretagna, penisola Iberica.

Tra domani(martedi) e fino a venerdi avremo una coltre di nubi più consistenti al Nord, Toscana e Lazio per il crescente respiro mite di correnti umide atlantiche, con qualche precipitazione, in particolare su Liguria, Toscana, triveneto e localmente su Lazio e Sardegna. Le nubi non mancheranno altrove, ma con sole che farà capolino e clima più asciutto.

Tra giovedi sera e venerdi una perturbazione più incisiva riuscirà a penetrare nel bacino del Mediterraneo centrale, provocando la formazione di un minimo depressionario che coinvolgerà tutto il paese, sfilando verso est/sud-est, e apportando precipitazioni, nevose in montagna, in particolar modo al centro-nord e Sardegna, meno interessate le restanti zone. Il richiamo dei venti (meridionali) causeranno un aumento termico su tutto il paese. Temperature che caleranno nel fine settimana.

Mentre vi confermo che nel periodo 8-10 febbraio la situazione meteo vedrà una calma beffarda con clima tipicamente invernale, dopo il 10 si profila una nuova ondata di gelo e neve sul nostro paese.

Infatti l’approfondimento di un minimo barico sul Mediterraneo occidentale, in seguito ad una irruzione atlantica sulla penisola Iberica, e in spostamento verso levante, farà da calamità per le correnti continentali che scivoleranno lungo il bordo orientale dell’anticiclone di nuova formazione e in estensione verso il centro Europa e in aggancio a quello russo-siberiano.

La causa di tale configurazione è dovuta allo split del vortice polare verso la Siberia occidentale incentivando un afflusso gelido verso il vecchio continente che si troverà indifeso contro il nuovo attacco del Generale Inverno e con un flusso atlantico completamente inibito ad occidente, come volevasi dimostrare ad inizio stagione quando già si notava un rallentamento della CDG o Corrente Del Golfo.

Faccio nota che tutto deve essere preso con il condizionale e per le conferme dovremo aspettare ancora qualche giorno.

Un cordiale saluto

Luca Romaldini